Matrimoni forzati, combinati e precoci. Vademecum per operatori e operatrici.

Nel 2014 Trama di Terre, grazie ad un progetto finanziato dalla Fondazione Del Monte di Bologna e Ravenna, ha realizzato un Vademecum per operatori e operatrici per il contrasto dei matrimoni forzati. Il fenomeno dei matrimoni forzati chiama in causa due modalità, tra loro in conflitto, di intendere le relazioni familiari e coniugali. La prima modalità si fonda sulla considerazione esclusiva o prevalente dell’individuo come membro di una collettività, e vede nel matrimonio un evento principalmente sociale e comunitario, che ha la duplice funzione di favorire e rafforzare i legami di coesione e solidarietà all’interno del gruppo famigliare attraverso lo scambio di beni e la procreazione di una discendenza comune, e di ordinare e legittimare il rafforzamento dei nuclei famigliari allargati. Di solito questo evento si verifica al raggiungimento della pubertà, ed è il frutto di una decisione che compete più alla compagine familiare che al singolo. Il secondo modello, cui sono attualmente ispirati i principi fondamentali in materia di diritto di famiglia riconosciuti sia dal diritto internazionale sulla protezione dell’infanzia che dagli ordinamenti e dalle convenzioni a livello europeo e internazionale, basandosi sull’importanza e il rispetto dell’autonomia individuale, privilegia una visione dell’unione coniugale come scelta privata degli sposi, dettata da ragioni di carattere eminentemente affettivo e sentimentale, che si origina pertanto da un libero atto di volontà e di consenso tra persone sufficientemente adulte e mature per poterlo esprimere.

ARGOMENTI TRATTATI NEL VADEMECUM

MATRIMONI FORZATI, COMBINATI E PRECOCI. VADEMECUM PER OPERATORI E OPERATRICI

MATRIMONIO FORZATO E COMBINATO
LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI
CREDENZE RELIGIOSE E PRATICHE TRADIZIONALI
LA CEDAW
L’INTERVENTO DEL CONSIGLIO D’EUROPA
LA POSIZIONE DELL’UNIONE EUROPEA
MATRIMONI FORZATI IN EUROPA

LA CRIMINALIZZAZIONE DEL REATO DI MATRIMONIO FORZATO

MATRIMONI FORZATI IN ITALIA
BAMBINI E BAMBINE COSTRETTE AL MATRIMONIO
L’IMPORTANZA DI UN PIANO NAZIONALE CONTRO TUTTE LE VIOLENZE DI GENERE
DIVIETO DEL MATRIMONIO TRA MINORI
MATRIMONI FORZATI CELEBRATI ALL’ESTERO
PERMESSO DI SOGGIORNO PER LE VITTIME DI MATRIMONI FORZATI
L’ORDINE DI PROTEZIONE
RILUTTANZA DELLE VITTIME A DENUNCIARE I PROPRI FAMIGLIARI

LA MEDIAZIONE

ESISTE UNO SPAZIO PER LA MEDIAZIONE NEL CASO DI MATRIMONI FORZATI?
L’ESPERIENZA DANESE
LA POSIZIONE DELLA GRAN BRETAGNA
IL RUOLO DEL MEDIATORE/MEDIATRICE
CONCLUSIONI

UNA RIFLESSIONE SUL CONCETTO DI ONORE

QUALE ONORE: LE STRUTTURE PATRIARCALI
I VANTAGGI DI UN MATRIMONIO ALL’INTERNO DELLA FAMIGLIA ALLARGATA
L’ONORE E LA COLPA
L’ADOLESCENZA NEGATA
LA TUTELA DELL’INFANZIA
I CRIMINI O DELITTI D’ONORE

L’ESPERIENZA DELL’ASSOCIAZIONE TRAMA DI TERRE

LE RACCOMANDAZIONI DEL CONSIGLIO D’EUROPA

RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DI MATRIMONI FORZATI

Potete richiedere all’associazione una copia pdf del vademecum compilando questa scheda e inviandola a info@tramaditerre.org.

2019-03-19T04:27:54+02:00